BENVENUTI NELLA

CHIESA PARROCCHIALE DI SAN GIOVANNI BATTISTA SEDE DELL’ARCICONFRATERNITA DEI SS.GIOVANNI BATTISTA ED EVANGELISTA DEI CAVALIERI DI MALTA AD HONOREM

 

La chiesa di San Giovanni Battista fu edificata nel XV secolo sulle rovine del castello normanno-aragonese, parzialmente distrutto durante la rivolta dei catanzaresi contro il Conte Centelles. Le pietre della fortezza, simbolo dell’antico potere feudale, vennero impiegate per la costruzione della chiesa.

Poiché il suolo apparteneva alla Santa Sede, la chiesa di San Giovanni risultò affiliata alla Basilica Romana di San Giovanni in Laterano.

Preso in carico dall’Arciconfraternita dei Ss. Giovanni Battista ed Evangelista (costituita nel 1502), l’edificio sacro fu completato con importanti lavori di ampliamento nel 1532.

La facciata, chiaramente distinta in tre livelli, si presenta in uno stile tardo-cinquecentesco. La nicchia centrale pone in risalto la pregevole statua in marmo di San Giovanni Battista, realizzata probabilmente da Giandomenico Monterosso nel 1625, e giunta a Catanzaro su commissione della confraternita.

Il portale seicentesco è ornato da due colonne in marmo verde di Gimigliano (famosa pietra locale ora esaurita), impreziosite da basi e capitelli ionici di marmo bianco, finemente lavorati.

La croce di Malta ad otto punte, che risalta nel rosone, ricorda che nel 1735 il re Carlo III di Spagna concesse ai membri della Confraternita il titolo di “Cavalieri di Malta ad honorem”.

L’elegante doppia scalinata fu realizzata solo nel 1877, a seguito del rifacimento urbanistico della città, quando il piano stradale fu abbassato e fu aperto l’attuale Corso Mazzini.

La chiesa divenne sede parrocchiale nel 1834, due anni dopo il terremoto che aveva distrutto la vicina chiesa di San Giorgio.

01 - esterno.jpg
02 - esterno.jpg
03 - esterno.jpg
04 - esterno.jpg
05 - esterno.jpg
06 - esterno.jpg
07 - esterno.jpg
08 - esterno.jpg
09 - esterno.jpg
10 - esterno.jpg
11 - esterno.jpg
12 - esterno.jpg